Home » News »

Il regolamento (UE) n. 430/2010 ha apportato alcune modifiche al regolamento CEE n. 2454/93 che trovano applicazione a decorrere dal 1° gennaio 2011.

Il documento di prassi n. 18/D specifica, inoltre, le pratiche modalità di attuazione di alcuni orientamenti contenuti nelle Linee Guida sull’esportazione ed uscita delle merci nel contesto del regolamento (CE) 648/2005, recentemente emanate dalla Commissione europea, chiarendo che – per l’applicazione di alcune norme - si continueranno ad applicare le modalità procedurali già avviate a livello nazionale.

Adempimenti per le merci all’entrata nel territorio doganale della Comunità in applicazione delle misure di sicurezza

L'Agenzia delle Dogane ha emanato anche la circolare n. 19/D, con data 30 dicembre, per illustrare il quadro normativo relativo alle misure di sicurezza applicabili alle merci che entrano nel territorio doganale della Comunità, introdotte dai regolamenti CE n. 648/2005 e n. 1875/2006, alla luce anche delle successive modifiche legislative apportate nel settore dai regolamenti CE n. 273/2009, n. 312/2009, n. 414/2009 e n. 430/2010.

In merito all’obbligo di presentazione della ENS in vigore dal 1° gennaio 2011, la Commissione Europea ha preso atto delle preoccupazioni espresse dagli operatori economici dovute alla complessità dell’architettura dell’emendamento sicurezza introdotto nel Codice doganale comunitario e nelle relative disposizioni di attuazione, dei numerosi adempimenti posti a carico degli stessi operatori economici compresi gli adeguamenti delle necessarie strutture informatiche nonché, infine, della complessità degli stessi scenari di applicazione e, conseguentemente, sensibilizzato gli Stati Membri al riguardo.

Pertanto, nel primo periodo di avvio della procedura che prevede l’obbligo di presentazione della ENS, gli uffici operativi, nelle ipotesi in cui si verifichino difficoltà nella presentazione di tale dichiarazione in formato telematico da parte degli operatori economici interessati, potranno effettuare la prevista analisi dei rischi sicurezza sulla base dei dati contenuti nel modello Documento Sicurezza – DS, presentato preferibilmente su supporto esterno (usb, cd-rom etc) oppure sulla base dei dati contenuti nei documenti commerciali o di trasporto, cercando di evitare tempistiche sensibilmente maggiori rispetto a quelle normalmente previste nel caso di presentazione della ENS in formato elettronico.

03-01-2011