Home » News » LA DOCUMENTAZIONE RELATIVA ALLA PROPOSTA DI PROJECT FINANCING

LA DOCUMENTAZIONE RELATIVA ALLA PROPOSTA DI PROJECT FINANCING

"Il piano economico finanziario è destinato a diventare l'elemento fondamentale per lo svolgimento della successiva gara ad evidenza pubblica, ed in particolare per la selezione dell'offerta economicamente più vantaggiosa." T.A.R. 2014

«Secondo quanto affermato dalla giurisprudenza amministrativa sulla principale questione in esame (con orientamento che il Collegio appieno condivide), nella fase che si compie con la selezione del progetto da dichiarare di pubblico interesse, uno degli elementi di tale progetto (il piano economico – finanziario) è destinato a diventare l’elemento fondamentale per lo svolgimento della successiva gara ad evidenza pubblica, ed in particolare per la selezione dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Secondo tale indirizzo, il consentire un simile accesso permetterebbe, quanto meno al richiedente (cui non risulta interdetta la partecipazione alla successiva fase di gara ad evidenza pubblica per la individuazione della offerta economicamente più vantaggiosa), di conoscere non solo i valori degli elementi necessari del piano economico – finanziario del progetto posto a base di gara per la determinazione dell’offerta, ma addirittura gli elementi costitutivi del piano economico – finanziario stesso del progetto posto a base di gara, con conseguente alterazione della procedura ad evidenza pubblica e violazione, in particolare, del principio della par condicio tra le imprese offerenti. Ciò in quanto tale specifica conoscenza (non prevista dalla legge) consentirebbe di avere, rispetto agli ordinari tempi della gara pubblica, un maggiore lasso di tempo per formulare eventualmente un’offerta migliorativa di quella ricavabile dal presentato piano economico – finanziario. E ciò senza contare che, in tal modo, la parcondicio sarebbe sicuramente alterata nei confronti dello stesso promotore, la cui offerta – sostanzialmente contenuta nel predetto piano economico finanziario – non è modificabile se non a favore della sola amministrazione (…).

E’ evidente, pertanto, che la riferita oggettiva estraneità dell’impresa promotrice esclusa, rispetto agli atti successivi della procedura di project financing, debba a maggiore ragione valere (per escluderne l’accesso a tali ulteriori atti) riguardo alla fattispecie in esame, in cui non è riscontrabile un vero e proprio procedimento preliminare avviato su iniziativa dell’amministrazione, bensì unicamente due proposte private, nessuna delle quali, peraltro, ha ottenuto la manifestazione di interesse da parte del Comune.

Trattasi, in definitiva, di documentazione in alcun modo collegata e collegabile alle esigenze di accesso quali strumentali alla propria tutela in sede giurisdizionale invocate dalla ricorrente, con conseguente infondatezza in parte qua del presente ricorso. Né può valere, allo scopo di fare pervenire il Collegio a diverse conclusioni, la circostanza – rilevata dalla ricorrente nella nota depositata in data 25/3/2014 – che l’odierna controinteressata sia intervenuta ad opponendum nel ricorso promosso dalla stessa dinanzi a questo T.A.R. avverso la determinazione con la quale il Comune ha comunicato di non avere interesse per la sua proposta.

Non sussiste, infatti, la disparità di trattamento tra le imprese riguardo alla reciproca conoscenza della proposta presentata dall’altra, di cui si duole l’odierna ricorrente; non sussiste, infatti, uguaglianza tra le rispettive situazioni delle imprese nei due giudizi in questione: nel caso in esame, dovendosi valutare la possibilità di ostensione di determinati atti in applicazione delle regole procedimentali e giudiziali che governano il diritto di accesso nei confronti della P.A.; nell’altro caso dovendosi invece verificare, secondo le regole processuali che disciplinano, nel giudizio amministrativo, l’intervento in causa di soggetto non intimato, la possibilità, per quest’ultimo, di prendere visione degli atti depositati dalle parti, prima della verifica, da parte dell’organo giudicante, della sua legittimazione ad intervenire» (T.A.R., 2014).

01-07-2014